.

.
Tutte le ricette, se non altrimenti specificato, sono per 4 persone

martedì 3 marzo 2015

Edo: l’applicazione per sapere cosa mangi

Sviluppata da un gruppo di giovani laureati presso l’Università di Bologna, Edo è una app per smartphone che ci aiuta a conoscere meglio ciò che mangiamo, rendendo comprensibili le etichette e aiutandoci a scegliere in maniera più consapevole.
Inquadrando il codice a barre di un qualsiasi prodotto, Edo ci dice con un punteggio da zero a dieci quanto è sano e ci propone una sintesi chiara delle principali caratteristiche nutrizionali e una lista di alternative più salutari.
Ideale per le mamme alle prese con le merendine per i figli, per gli sportivi, per chi ha restrizioni alimentari, ma in generale per chiunque vuole conoscere meglio ciò che mangia.

Il team Edo srl è formata da tre informatici (Diego Lanzoni, Luciano Venezia e Marco Giampaoli) e una tecnologa alimentare (Enza Gargiulo), che poco più di un anno fa, al termine degli studi universitari svolti a Cesena, hanno deciso di intraprendere un percorso imprenditoriale. Il primo passo è stato rivolgersi a Cesenalab, grazie a cui l’idea di partenza si è evoluta e ha iniziato a prendere forma. Importante per il suo sviluppo è stata la scelta di Alimos Alimenta la Salute, cooperativa da oltre 40 anni impegnata in azioni di educazione alimentare e agro-ambientale a tutela dei consumatori, di sostenere finanziariamente il progetto, ora nella forma di srl innovativa.

Che cos’è Edo: è un’app per smartphone che permette agli utenti di conoscere meglio quello che stanno mangiando. Utilizzando un sofisticato algoritmo di analisi di ingredienti e valori nutrizionali, Edo è in grado di evidenziare quanto è sano un prodotto, con contenuti comprensibili per chiunque.
Grazie alla scansione del codice a barre presente su ogni prodotto alimentare Edo è in grado di fornire: un punteggio da zero a dieci che segnala quanto è sano il prodotto, una sintesi delle caratteristiche positive e negative, se è adatto a celiaci o intolleranti al lattosio e infine una lista di alternative più sane per guidare il consumatore verso una scelta più consapevole. I contenuti nel corso dell’ultimo anno sono stati analizzati migliaia di prodotti alimentari. L’obiettivo è di arrivare a coprire ogni prodotto in commercio entro il primo semestre del 2015, questo anche grazie all’aiuto degli utenti: infatti se una referenza non è ancora presente, è possibile tramite l’app inviare le foto del prodotto ed essere avvisati con una notifica quando sarà stato analizzato.
L’algoritmo che è alla base della valutazione dei prodotti è stato sviluppato da Enza Gargiulo, mentre la dottoressa Alessandra Bordoni, medico nutrizionista dell’Università di Bologna, ha fornito un importante supporto scientifico.

Edo è disponibile gratuitamente su Apple App Store dal 2 dicembre (App Store) e anche per Android.

www.edoapp.it
Seguici su Facebook e Twitter!
https://www.facebook.com/edoappit 
@edo_app 

mercoledì 25 febbraio 2015

Contorno di verdure al cartoccio


Cosa ne dite di un contorno veloce, che si cuoce da solo mentre potete dedicarvi ad altro, economico e anche leggero??


CONTORNO DI VERDURE AL CARTOCCIO

INGREDIENTI (x4):
2 carote - un finocchio - 12 cimette di broccolo - 4 cipollotti - sale - pepe - olio extravergine

PREPARAZIONE:
Semplicemente pulite le verdure, lavatele e asciugatele poi tagliate il finocchio a spicchi e la carota a listarelle non troppo sottili. Dividete le verdure in 4 fogli di alluminio, spolverizzate con pepe e sale, chiudete a pacchetto, sigillando bene e mettete in forno per circa 30 minuti a 170 gradi.
Una volta pronto, servite con un filo d'olio a crudo.


lunedì 23 febbraio 2015

Creme caramel


Forse il più classico dei dolci al cucchiaio, il creme caramel. Nel web ne trovate tantissime versioni...
Vi propongo anche questa però, un po' più leggera, preparata senza far restringere il latte. Non è stucchevole, senza retrogusto di uova e anche veloce da preparare.
Se non avete tempo di cuocerlo per due e più ore, alzate un po' la temperatura del forno, ma sappiate che ne risentirà l'estetica del dolce, infatti il forno troppo alto è la causa dei forellini sulla superficie dei budini.

CREME CARAMEL

INGREDIENTI:
750 ml di latte intero crudo - mezzo baccello di vaniglia - 125 gr di zucchero integrale di canna - 4 uova intere + 3 tuorli bio - 100 gr di zucchero semolato (per il caramello)

PREPARAZIONE:
Portate a bollore il latte con la vaniglia, poi spegnete e lasciate in infusione per una mezz'ora.
Accendete il forno a 130 gradi.
Versate lo zucchero semolato in una pentola, portate sul fuoco e quando inizia a caramellare mescolate con un cucchiaio di legno, fino a quando sarà bello ambrato, e suddividetelo negli stampini.
Sbattete le uova con lo zucchero di canna, unite il latte a filo mescolando poi versatelo negli stampi.
Sistemate i budini in una pirofila riempita d'acqua e mettete in forno per circa due ore, fino a quando i budini non saranno sodi. Lasciateli raffreddare in forno, poi metteteli un paio d'ore in frigorifero prima di servirli.