Tutte le ricette, se non altrimenti specificato, sono per 4 persone

lunedì 30 agosto 2010

Tartufini

Ecco un'idea ricicla avanzi..
Mi è venuta in mente ieri pomeriggio, aprendo il frigorifero ho visto la ganache di cioccolato che mi era rimasta dalla preparazione della torta e.....mi si è accesa la lampadina.
Era bella densa, la ganache in frigorifero si addensa molto, allora ho preso un piatto, ci ho messo un po' di cacao amaro in polvere e poi, aiutandomi con un cucchiaio, ma per lo più a mano (mi piace pastrocchiare), ho formato delle palline e le ho passate nel cacao....il risultato è stato ottimo!



Dei tartufini belli e buonissimi!!





Li voglio rifare, magari misti,  passandoli nella farina di cocco, nella granella di nocciole, nelle codette di zucchero colorate...










Ovviamente, se non li mangiate subito, è meglio conservarli in frigo.



La ricetta della ganache la trovate qui: La mia prima torta decorata II

domenica 29 agosto 2010

La mia prima torta decorata II

Come promesso ecco tutti i passaggi della preparazione della torta di ieri...Ho iniziato al mattino preparando il pan di spagna e la ganache. Poi, al pomeriggio, ho preparato la bagna, la pasta di zucchero e montato la panna...poi ho assemblato il tutto. Sicuramente è una preparazione un po' lunga, ma alla fine tutti sono stati contenti e hanno apprezzato...infatti è già finita!!

INGREDIENTI:
Per il pan di spagna: (la mia teglia misura 25 cm di diametro) 5 uova - 150 gr di zucchero - 150 gr farina

Per la ganache: 250 ml di panna - 250 gr di cioccolato fondente

Per la farcitura esterna: 250 ml di panna da montare - 2 cucchiai di zucchero a velo

Per la bagna: 125 ml di acqua - un bicchierino di liquore - 2 cucchiai di zucchero

Per la pasta di zucchero: 450 gr di zucchero a velo - 30 gr di acqua - 5 gr di gelatina in fogli - 50 gr di glucosio - coloranti alimentari - amido di mais o fecola di patata - palline di zucchero per decorare

PREPARAZIONE:
Per prima cosa il pan di spagna. Montate le uova con lo zucchero con uno sbattitore elettrico per diversi minuti (15/20 minuti). Non stancatevi, il composto deve triplicare di volume, più lo montate più crescerà in cottura. Questa fase è fondamentale, visto che la ricetta non prevede l'uso di lievito. Poi unite la farina setacciata, poca alla volta, mescolando dall'alto verso il basso con un cucchiaio di legno. Mettete della carta da forno nel solo fondo della tortiera e imburrate leggermente il bordo. Versate il composto e infornate, partendo da forno freddo, a 175 gradi per 30 minuti.

Non aprite il forno, al termine dei 30 minuti spegnete e lasciate dentro altri 5 minuti, poi aprite un po' il forno e lasciate il pan di spagna ancora 5 minuti. A questo punto sfornate, aprite la tortiera e lasciate raffreddare, meglio se su una gratella.

Mentre il dolce è in forno preparate la ganache di cioccolato. Spezzettate il cioccolato dentro una ciotola, mettete la panna in un pentolino e portatela quasi a bollore, toglietela dal fuoco e versatela sul cioccolato, lavorate con la frusta fino ad ottenere una crema morbida e omogenea. Fatela raffreddare fuori dal frigo, altrimenti si solidificherebbe troppo per poterla usare per farcire il pan di spagna. 
Per la bagna, unite in un pentolino l'acqua, lo zucchero e il liquore e mettete sul fuoco, appena accenna il bollore spegnete e fate raffreddare.
A questo punto preparate la pasta di zucchero. Setacciate lo zucchero a velo e mettetelo nel contenitore del robot da cucina (setacciare lo zucchero a velo è un po' noioso, ma fondamentale per la riuscita). Fate ammorbidire la gelatina nell'acqua fredda per 10 minuti, poi unite il glucosio e mettete sul fuoco per sciogliere il tutto. Io per stare tranquilla l'ho fatto a bagno maria, perchè non deve assolutamente scaldarsi troppo. La consistenza che dovete ottenere è liquida, quasi come l'acqua.
A questo punto versate il tutto sullo zucchero a velo e fate partire il robot, dopo poco otterette una palla bianca candida, eventualmente finite di impastarla a mano. Avvolgete la palla nella pellicola. Si conserva fuori dal frigo, magari in un sacchetto da frizer o in una scatola di latta, anche per diversi mesi.
Montate la panna con lo zucchero a velo, e tenetela in frigo.
Quando il pan di spagna sarà freddo potrete procedere alla composizione del dolce,nel modo seguente: dividete il pan di spagna in due dischi, bagnateli con la bagna aiutandovi con un pennello e farcitelo con la ganache di cioccolato aiutandovi con una spatola o un coltello, richiudetelo. Farcitelo esternamente con un leggero strato di panna montata, ricoprendolo tutto, anche il bordo.
                  
Riponete il dolce in frigorifero e preparatevi per stendere la pasta di zucchero. Il procedimento è lo stesso per la sfoglia, su una tavola stendete un po' di fecola, o amido di mais, e col mattarello stendete la pasta di zucchero in una sfoglia non troppo sottile, altrimenti si rompe. Io ci ho dovuto provare 3 volte, ma non mi sono data per vinta, e alla fine ci sono riuscita. La comodità di questa pasta è che se si asciuga basta inumidirla un po', e se è troppo morbida basta aggiungere un po' di zucchero a velo. Una volta ottenuta la sfoglia, riprendete il dolce e appoggiateci sopra la pasta di zucchero, sistemandola per bene con le mani e ricoprendo tutto il pan di spagna, anche i bordi. Tagliate via la pasta in eccesso, che vi servirà per le decorazioni.
Per i decori potete sbizzarrirvi con la fantasia!
Io ho usato due gocce di colorante blu e tre di quello rosso, ho impastato per un po', fino a rendere il colore omogeneo. Poi ho fatto tante palline e le ho sistemate tutto attorno alla torta, inumidendo un po' il bordo per farle aderire bene.
Ho steso la pasta rimasta aiutandomi sempre con la fecola per non farla attaccare alla tavola e alle mani e con un bicchierino ho ritagliato dei tondi che ho sistemato sul dolce, sempre inumidendo un po' per farli attaccare bene, e infine ho aggiunto le palline di zucchero argentate.

Ecco qua, siamo arrivati alla fine....stanca ma soddisfatta non ho fatto in tempo a rimettere il dolce in frigo....sono arrivate mia mamma e mia sorella e i bambini ne hanno approfittato per convincermi a tagliarla e assaggiarla!! Mhhh...buona!!


sabato 28 agosto 2010

La mia prima torta decorata

Sono rimasta senza fiato curiosando in altri blog e guardando le meravigliose torte preparate da mani espertissime...torte belle ma anche buone, e mi è venuta voglia di provare a farne una.
Ed ecco il risultato: la mia prima torta decorata con pasta di zucchero...ovviamente una cosa semplice, visto che non ho nemmeno la minima attrezzatura, quindi mi sono arrangiata. Mi ritengo soddisfatta, e appena possibile comprerò qualche formina per biscotti e qualche altro accessorio per riprovare e fare delle decorazioni un po' più complesse!!
Domani vi posto la ricetta, dalla base alla decorazione...


Verdesca mediterranea

Che settimana!! Finalmemte ho un attimo di tempo per poter aggiungere una ricetta saporitissima...
Che dire, eccovi cosa abbiamo preparato ieri sera:

INGREDIENTI:
4 tranci di verdesca (oppure pesce spada) fresco o congelato - 4/5 acciughe - uno scalogno - 50 gr di olive nere snocciolate - 50 gr di olive verdi snocciolate - una decina di capperi sotto sale -peperoncino - olio d'oliva - vino bianco - 4 fette di pane tostato o grigliato

PREPARAZIONE:
Tritate lo scalogno finemente e fatelo imbiondire in una padella capiente con un po' d'olio d'oliva. Sciacquate i capperi per eliminare il sale. Fate un trito con le olive verdi e nere, i capperi e le acciughe, e poi unitelo allo scalogno. Fate insaporire per 2 o 3 minuti a fuoco medio, alzate la fiamma e poi aggiungete un po' di vino bianco.




 Una volta evaporato aggiungete i tranci di pesce. ( Se usate quelli congelati vi consiglio di scongelarli prima, oppure di cuocerli in una padella a parte, e unirli al condimento solo gli ultimi minuti di cottura, perchè tendono a fare molta acqua). Cuoceteli 5 o 6 minuti, poi girateli, aggiungete un altro po' di vino bianco e terminate la cottura. Sistemate una fetta di pane in ogni piatto e poi adagiate i tranci di pesce con il loro condimento e......buon appetito!!

I bambini di solito non amano il pesce, ma questo gli è piaciuto molto, e poi non ha nemmeno le lische, ma solo l'osso centrale!!

domenica 22 agosto 2010

Mazzancolle bardate

Venerdì sera, come dicevo nell'ultimo post, abbiamo preparato anche le mazzancolle con la pancetta...
E' una ricettina estremamente semplice, gustosa e veloce. Eccovi gli ingredienti (per 4 persone) e la preparazione:

INGREDIENTI:

12 mazzancolle - 12 fette di pancetta (a vostra scelta o quella fresca o quella stagionata) - un goccio d'olio d'oliva - vino bianco

PREPARAZIONE:

Lavate le mazzancolle, incidetele sulla pancia e privatele della corazza. Arrotolate su ogni mazzancolla una fetta di pancetta. In una padella antiaderente fate scaldare poco olio e poi adagiate le mazzancolle e fatele rosolare da entrambe i lati, sfumate con il vino bianco e fate cuocere per 10 minuti.







Sono buonissime accompagnate da una leggera frittura di verdure tagliate sottilissime!!


venerdì 20 agosto 2010

Cozze alla tarantina

Venerdì? Pesce!
Stamattina dopo aver fatto la mia camminata rigenerante in mezzo al verde, ed essere stata a lavorare, sono andata con mio marito in pescheria....risultato: la cena di stasera, ovvero cozze alla tarantina e mazzancolle con pancetta. Per ora ecco la ricetta delle cozze..

INGREDIENTI:
1 Kg e mezzo di cozze - olio d'oliva - aglio - peperoncino - vino bianco - 400 gr di pomodori maturi (oppure pelati, ma se volete anche passato di pomodoro) - prezzemolo - poco sale

PREPARAZIONE:

Lavate le cozze.
Se usate i pomodori freschi fateli sbollentare qualche istante e privateli della buccia (ed eventualmente dei semi, a me non danno fastidio quindi evito).
In una bella padella capiente versate qualche cucchiaio d'olio, uno spicchio d'aglio schiacciato e peperoncino in base ai vostri gusti. Quando l'aglio prende colore toglietelo col peperoncino e versate i pomodori, salate appena e lasciate cuocere per una decina di minuti. Nel frattempo, in un'altra padella con un po' d'olio, fate saltare le cozze, per farle aprire e sfumate con il vino bianco. Aggiungetele poi alla padella col sugo e lasciate sul fuoco altri cinque minuti, poi spegnete e aggiungete abbondante prezzemolo.
Ottime..



Se volete potete servirle con delle fette di pane ben
abbrustolite!!

Un insolito "vitello" tonnato

Il vitello tonnato è un piatto che mi ha sempre entusiasmata molto, fin da bambina quando vivevo in Liguria e lo mangiavo al ristorante dove andavamo per le occasioni importanti, e dove lo servivano come antipasto con tantissime altre cose molto sfiziose.. 
Per molti anni non mi è mai venuto in mente di provare a farlo a casa, finchè non mi ha dato la sua personale ricetta la mamma di un amico, alla quale ho apportato qualche piccola modifica e che vi voglio raccontare. Ma prima faccio una parentesi sull'ingrediente principale: la carne. Il vitello tonnato, visto il nome, andrebbe fatto con il girello di vitello....ma io lo faccio con il lombo di maiale...ecco perchè l'ho chiamato "insolito". Questo perchè, come consigliato dal mio macellaio di fiducia, la carne di maiale è più saporita (e adesso è anche molto più magra), tiene meglio la cottura, ovvero si asciuga meno, ed è anche molto più economica (che non è male!).
Detto questo eccovi la mia ricetta:

INGREDIENTI: 
Un pezzo di lombo di maiale di circa 800 gr - una carota - una cipolla - 2 gambi di sedano - qualche rametto di prezzemolo - 300 gr di tonno - 100 gr di funghetti champignon sott'olio - 3/4 acciughine - 10 gr di capperi 
3/4 cucchiai di maionese - olio d'oliva


PREPARAZIONE:
In una pentola capiente mettete a bollire in abbondante acqua la carota, la cipolla, il sedano e il prezzemolo (se volete potete sostituire metà dell'acqua con del latte). Una volta raggiunto il bollore immergete il lombo di maiale e lasciatelo cuocere per circa 40/45 minuti. Quando sarà cotto lasciatelo raffreddare completamente, così sarà più facile affettarlo. Intanto preparate la salsa. Mettete nel frullatore il tonno e i funghetti sgocciolati, i capperi e le acciughe e frullate fino ad ottenere la consistenza che più vi piace. Mettete il composto ottenuto in una ciotola e aggiungete la maionese e un po' d'olio d'oliva e mescolate bene. 
A me piace che la salsa non sia troppo liquida, la preferisco con un po' più di consistenza, se la si vuole più "lenta" si può aggiungere più olio (in certe ricette sui libri aggiungono delle quantità industriali di olio).Una volta freddata bene la carne appoggiatela su un tagliere e con un coltello ben affilato fate delle fette sottili.
Adagiate uno strato di fette su un piatto da portata e ricopritele con la salsa di tonno, poi fate un'altro strato di carne e ricoprite nuovamente di salsa, continuate così fino ad esaurimento degli ingredienti. Coprite con della pellicola (a contatto, così non si crea condensa) e mettete in frigorifero. Io lo preparo il pomeriggio, per la sera dopo.


Ecco qua, è un buon piatto freddo per le sere estive!!



mercoledì 18 agosto 2010

Pesche Deliziose

Come promesso ecco la ricetta che ho sperimentato ieri sera, sempre con le pesche...

INGREDIENTI:
4 pesche preferibilmente mature - 100 gr di zucchero di canna - 1 tuorlo d'uovo - 7/8 amaretti (quelli secchi)  1 bicchierino di liquore dolce - 2/3 cucchiai di fecola di patata - qualche noce di burro - vino bianco - zucchero di canna per spolverizzare.

PREPARAZIONE:
Lavate e asciugate le pesche. Tagliatele a metà e levate il nocciolo. Con uno scavino o un coltello prelevate un po' di polpa. Lasciate da parte le pesche, sminuzzate la polpa finemente e mettetela in una ciotola; schiacciate gli amaretti e uniteli alla polpa con lo zucchero di canna e il tuorlo. Mescolate con un cucchiaio per amalgamare bene il tutto, poi unite il liquore. Se il composto è troppo liquido aggiungete un po' di fecola di patata. 
Mettete qualche ciuffo di burro e mezzo bicchiere circa di vino bianco in una pirofila, riprendete le pesche, riempitele con il composto e adagiatele sulla pirofila. Spolverizzate con lo zucchero di canna (che farà una bella crosticina) e infornate (io ho usato il forno ventilato a 150 gradi per circa mezz'ora).

Fatto!! Sono ottime tiepide ma anche fredde....

martedì 17 agosto 2010

Che stanchezza..

Oggi ho fatto un'altra ricettina con le pesche, visto che ne ho ancora una marea e un vitello tonnato "insolito"....domani posto tutto!
Buona notte!!

La mia torta estiva

Ieri ho provato a fare questa torta, che in partenza era di mele, ma ho un sacco di pesche e ho voluto provare a farne una variante. Ecco come:


INGREDIENTI:
2/3 pesche noci mature - 100 gr di burro - 100 gr di zucchero di canna - 2 uova - latte (da mezzo bicchiere a un bicchiere in base alla consistenza dell'impasto) 250 gr farina 00 - una bustina di lievito per dolci - 4 cucchiai di liquore FRANGELICO (o quello che vi piace di più) - zucchero di canna per spolverizzare.


PREPARAZIONE:
Lavate le pesche e tagliatele a fettine, disponetele in una ciotola, cospargetele di zucchero di canna e unite il liquore.
In una ciotola capiente unite il burro morbido allo zucchero di canna e lavorate con una frusta (o sbattitore), aggiungete le uova e lavorate ancora. Aggiungete la farina alla quale avrete aggiunto il lievito, setacciandola (io uso un semplice colino a maglie fitte). A questo punto unite il latte necessario ad ottenere un composto morbido, non troppo duro ne troppo liquido.
Imburrate uno stampo a cerniera, spolverizzate sul fondo lo zucchero di canna e disponete le fettine di pesca sgocciolate dal liquore. Filtrate il liquore che è rimasto e unitelo al composto, che verserete poi nella tortiera.
Infornate a 175 gradi (io ho usato il forno ventilato e sono partita da forno freddo) per 30/35 minuti, controllate la cottura ed eventualmente lascite la torta altri 5 minuti.
Sfornate e fate raffreddare. Una volta fredda rigirate sul piatto da portata e GNAM!!




Mio marito e i miei bambini si sono leccati i baffi!!