Tutte le ricette, se non altrimenti specificato, sono per 4 persone

domenica 31 ottobre 2010

Soufflè al cioccolato



Giovedì o venerdì sera stavo guardando il mitico SANTIN chef del programma DOLCEMENTE di Gambero rosso.....preparava i sufflè al cioccolato con gelato alla vaniglia, accompagnati con una ganache di cioccolato bianco con schiuma allo zafferano!! Mamma che robe!! Ero in estasi davanti alla tv!
Non sono riuscita a prendere gli ingredienti alla fine del programma, così ho cercato un po' nei miei libri e sul web e ho provato a fare questi soufflè....e mi sono venuti davvero buonissimi!!

INGREDIENTI (6/8 soufflè monoporzione, in base alla grandezza delle cocotte):
250 gr di latte - 80 gr di cioccolato fondente - 60 gr di zucchero - 40 gr di farina (o fecola) - 40 gr di burro - 4 albumi d'uovo - un pizzico di sale - zucchero di canna

PREPARAZIONE:
Scioglierte il burro in un tegame ed incorporate la farina setacciata, facendola cuocere per due minuti. Aggiungete (fuori dal fuoco) il latte poco alla volta, mescolando e riportate sul fuoco. Unite lo zucchero mescolando sempre, fino ad ottenere una consistenza tipo qulla della besciamella. Ci vuole pochissimo. Trasferite il composto in una ciotola di vetro dove avrete spezzettato il cioccolato fondente, e mescolate; col calore della crema il cioccolato si scioglierà completamente. Fate raffreddare.
Montate a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale, ed incorporateli al composto raffreddato.
Imburrate gli stampi per il soufflè, e spolverizzateli con po' di zucchero di canna. Distribuite il composto nelle cocotte, per tre quarti, lasciando un paio di centimetri vuoti.
Informate a 170 gradi a bagnomaria per 20-25 minuti, mettendo gli stampi in una pirofila con poca acqua.


Una volta sfornati serviteli caldissimi spolverizzati con zucchero a velo o cacao, oppure con una cucchiaiata di gelato alla vaniglia, adagiata sopra il soufflè, se amate il contrasto caldo-freddo!!
Un sapore deciso ma una consistenza delicata, per un dopocena invernale...





Con questa ricetta partecipo al contest di Dolcemente neve:

Liquore all'uovo


......un po' di storia:

Le origini sono incerte, ma l'invenzione del vov risale al 1840 ed è attribuita ad un pasticcere di Padova, Gian Battista Pezziol. La sua attività principale era la produzione di torrone, in cui l'ingrediente principale era l'albume; i tuorli rimanevano quindi inutilizzati e, per non sprecare questo avanzo, Pezziol vi aggiunse del marsala e dello zucchero, inventando la ricetta del liquore.
Il nome che vi diede fu "vov", derivato da vovi, termine dialettale per "uova".


.......successivamente:

Nel 1946 dall'estro del giovane Mauro Moccia nasce l'idea di produrre un "liquore all'uovo" di nuova concezione, più ricco negli ingredienti, più leggero in tenore alcolico (solo 15°) e più moderno nel gusto.
Non più un liquore all'uovo "al marsala" bensì al gusto di "brandy".
Registra presso i competenti uffici statali la prima etichetta di quello che sarà il suo "cavallo di battaglia" e lo chiama "ZABOV Cognac all'ovo". ZABOV nasce dall'originale unione delle prime lettere delle parole "Zabaglione e Ovo".



......e poi arriva il mio corso di pasticceria, e durante la seconda lezione parlando delle bagne alcoliche viene fuori il liquore all'uovo. Si, perchè appena preparato può essere tranquillamente utilizzato come bagna per una bella torta, e visto che mio marito è un grande fan di questo liquore, ho pensato di provarci. Il nostro docente ci ha gentilmente dato la ricetta, che però è una traccia, poi volendo si può un po' modificare in base ai gusti....io l'ho preparato così:

INGREDIENTI:
1 lt di latte intero fresco - 6 tuorli - 350 gr di zucchero - 100 ml di alcool a 95° - 30 ml Marsala (facoltativo)

PREPARAZIONE:
Fate bollire il latte con metà zucchero e poi fatelo raffreddare. Montate i tuorli con lo zucchero rimasto, e poi aggiungete il latte a filo facendo attenzione a non smontare le uova. Aggiungete poi allo stesso modo l'alcool (e il Marsala).
Filtrate e imbottigliate. Conservatelo in frigorifero e consumatelo dopo almeno una settimana.

Volendo prima di imbottigliare si puo mettere sul fuoco a bagno maria e fare addensare per una decina di minuti, non è necessario per la conservazione, perchè c'è già l'alcool, io l'ho fatto perchè ho usato le uova delle galline di mia suocera, che quindi non erano pastorizzate....

E' gia buono adesso, figuriamoci fra una settimana o più...Prenderà più consistenza e più gradazione alcolica....da leccarsi i baffi...

Il prossimo: liquorino al cioccolato!!

sabato 30 ottobre 2010

Filetti di sogliola al Prosecco




Questa ricetta è dedicata ad un'amica che per motivi di salute si è dovuta mettere un po' a dieta, e deve consumare spesso il pesce, ma non sa cosa preparare.....Mi ha chiesto quindi qualche ricettina veloce e poco calorica...e io aggiungo anche saporita!!
Direi che questo piatto soddisfa tutte queste esigenze, e volendo si presta anche per una cenetta romantica....aperitivo col Prosecco e piatto abbianato...

INGREDIENTI (4 persone):
8 filettini di sogliola - 30/40 gr di burro - un cucchiaio raso di farina - un bicchiere di Prosecco - fettine di limone
sale - pepe

PREPARAZIONE:
In una padella capiente fate sciogliere il burro a fuoco basso, unite la farina e mescolate con un cucchiaio, non dovrebbero formarsi grumi, unite il Prosecco mescolando la salsina e adagiate i filetti di pesce. Salate e cuocete per 3 minuti. Rigirate i filetti, pepate, aggiungete le fettine di limone e terminate la cottura per altri 3 minuti.

Sistemate i filetti di sogliola in un piatto da portata, e se necessario fate ridurre la salsina alla densità che più vi piace. Versate la salsina sui filetti e.....mangiateli belli caldi!!


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Valleaz :

venerdì 29 ottobre 2010

Spezzatino di castrato



Cene d'autunno....lo spezzatino è sicuramente la ricetta ideale per le sere d'autunno e d'inverno, quando il fuoco danza dentro il camino o, come a casa mia, dentro la stufa a legna.... Perchè a mio parere è una ricetta che scalda, lo si può preparare con svariati ingredienti, ma il risultato è sempre un bel piatto fumante da accompagnare con tanto buon pane.....evviva la "scarpetta"!!
Mio marito è un campione di queste preparazioni!!

INGREDIENTI:
500/600 gr di castrato a pezzetti (non troppo piccoli) - una cipolla - una carota - sedano - passato di pomodoro - olio evo - vino rosso - poco sale

PREPARAZIONE:
Tagliate la cipolla, la carota e il sedano grossolanamente e fateli appassire in una padella capiente con un po' d'olio extravergine.
Unite poi i pezzetti di castrato e fateli rosolare per bene, aggiungete il vino e fate sfumare, salate un pochino, unite il passato di pomodoro e fate cuocere per circa mezz'ora.


giovedì 28 ottobre 2010

Bavarese alla Vaniglia



La scorsa Domenica ho preparato un dolce che amo molto, la Bavarese alla vaniglia. Dopo un magnifico pranzo a base di pesce in buona compagnia, ho pensato che fosse il dolce giusto!!
E tutti ne sono stati contenti!!
E' un dolce semplice, profumatissimo e delicato...




INGRDIENTI:
500 ml di panna fresca - 125 ml di latte - 150 gr di zucchero - 4 tuorli - mezza stecca di vaniglia - 2 fogli di gelatina

(facoltativo) per il fondo: 100 gr di biscotti secchi - 100 gr di farina di mandorle . 20 gr di cioccolato fondente - 50 gr di burro fuso - zucchero a velo

PREPARAZIONE:
Mettete la gelatina a bagno in acqua fredda.
Preparate la base facendo sciogliere il burro e il cioccolato e amalgamandoli alla farina di mandorle, e ai biscotti secchi sminuzzati finemente. Mettete il composto nel fondo di una tortiera foderata con carta forno, e con l'aiuto di un cucchiaio stendetelo in modo uniforme, fate riposare in frigo.
In un tegame unite 250 ml di panna, il latte 130 gr zucchero a velo e i tuorli. Incidete la stecca di vaniglia, prelevate i semini e mettete stecca e sami nel tegame. Mescolate bene a mettete sul fuoco e sempre mescolando portate quasi a bollore. Dovreste raggiungere una temperatura di 82/84 gradi, come per la crema inglese, comunque quando la crema comincia ad addensarsi un po' e a velare il cucchiaio è pronta.
Togliete dal fuoco e aggiungete la gelatina strizzata bene e mescolate fino a farla sciogliere completamente.
Fate raffreddare completamente.
Montate non del tutto i rimanenti 250 ml di panna con 20 gr di zucchero a velo, aggiungeteli alla crema e mescolate con cura amalgamando bene i due composti. Versate sulla base di biscotto e fate riposare in frizer per qualche ora. Un'oretta prima di servirla trasferitela in frigorifero.

martedì 26 ottobre 2010

Pronti? Via!!


Le mie care Amiche Libera e Maria mi hanno gentilmente passato il testimone di questa Staffetta per conoscerci meglio...
Le regole sono queste:

creare un post inserendo il logo della staffetta e invitare le 14 bloggine che vorresti conoscere meglio;
postare le 8 domande qui di seguito:

1- Quando da piccoli vi domandavano cosa volevate fare da grandi cosa rispondevate?
     L'estetista.
2- Quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
     L'incantevole Creamy, Lallabel, Il tulipano nero.
3-Quali erano i vostri giochi preferiti?
    Fare il mercatino con la bigiotteria di mia madre,  giocare con le macchinine e col pongo.
4-Qual’è stato il più bel vostro compleanno e perchè?

    Non ne ricordo uno in particolare.
5-Quali sono le cose che volevate assolutamente fare e non avete ancora fatto?
    Visitare la Francia.
6-Quale è stata la vostra prima passione sportiva e non?
    Sportiva nessuna, sono pigra! La mia prima passione è stata per i cosmetici. 
7-Quale è stato il vostro primo idolo musicale?
    Nessuno in particolare, tutta la musica italiana..
8- Qual’è stato la cosa più bella chiesta(ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesù Bambino, Santa Lucia?
     Avevo 7 anni e chiesi a Babbo Natale Barbie giorno e sera....e arrivò!

Vorrei ora passare il testimone e il gioco a:

Tiziana di Pecorella di Marzapane
Fiorellino di Chi non mangia in compagnia
Marica di Mucca sbronza
Mirtilla di Angolo cottura
Meggy di Basilico, malva & cerfoglio
Mila di Senza sale in zucca
Terry di Agrodolce

.....e a tutti quelli che passeranno e vorranno raccoglierlo!!

lunedì 25 ottobre 2010

Pasta frolla

Mercoledì scorso finalmente ho iniziato il corso di pasticceria di base. Quindi vorrei condividere con voi le cose che imparerò e le ricette che il nostro docente (chef e pasticcere) ci insegnerà.
Ovviamente inizieremo con le ricette di base, per esempio durante la prima lezione abbiamo fatto la pasta sfoglia, la pasta choux e la frolla. Ed è proprio con questa che vorrei iniziare...la ricetta della pasta frolla base, per preparare le crostate!

INGREDIENTI:
500 gr di farina 00 - 250 gr di zucchero - 250 gr di burro - 2 uova intere (o 3 tuorli) - scorza di limone grattuggiata - un pizzico di sale - latte (facoltativo)

PREPARAZIONE:
Mescolate farina, zucchero e scorza di limone e il pizzico di sale. Formate una fontana sulla spianatoia, spezzettate al centro il burro ammorbidito e impastatelo con una parte della farina. Riformate la fontana e aggiungete le uova e impastate velocemente fino ad ottenere un composto omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigo per 20 /30 minuti.


Con questa ricetta base, ho preparato una bella crostata con la marmellata di fragole..
Per la biscotteria, l'insegnante ci ha spiegato che la ricetta è leggermente diversa, e ne parleremo un po' più avanti...
A presto!!

sabato 23 ottobre 2010

Straccetti all'aceto balsamico di Modena



Mi capita a volte di arrivare verso il tardo pomeriggio con una gran voglia di carne....spesso proprio quando a lavorare, per diversi giorni a fila, devo davvero dare il massimo, facendo magari dei lavori dove impiego tutta la mia forza fisica. Come vi ho già detto tempo fa, faccio un lavoro un po' pesente, e non sono certo una "donnona", anzi, piuttosto quasi un "fuscello".....quindi credo che in certe occasioni il mio organismo chieda a gran voce delle PROTEINE, per dare un po' da mangiare ai muscoli!! Ed è incredibile perchè mi fermo dal macellaio, guardo la carne nel banco e ne faccio proprio la voglia!! 
L'altra sera è stato proprio così, sono arrivata davanti al bancone e ho esordito con un: "VORREI UN BEL PO' DI CICCIA!!" e lui da mito quale è mi ha risposto: "Direi che sei nel posto giusto!!".....eccome.....
Così, dopo qualche battuta e un po' di esitazione su cosa prendere, ho optato per delle belle fette sottofiletto da cui ricavare degli straccetti, che il mio macellaio si è gentilmente offerto di tagliarmi, e io ho accettato di buon grado, visto che lui ha un coltello sicuramente migliore del mio! :-) Ma non voglio annoiarvi con queste cose.....quindi veniamo al dunque!!
La ricetta è semplicissima, per lo meno quella base....poi sono sicura che ognuno la possa elaborare a piacimento, anche in base al tempo a disposizione. Io quella sera ne avevo poco, ma in 15 minuti ho preparato un piatto gustosissimo!!

INGREDIENTI:
500/600 gr di sottofiletto di manzo (da cui ricavare degli straccetti) - 40 gr di burro (circa) - aceto balsamico di Modena -un po' di farina


PREPARAZIONE: 
In una padella fate sciogliere il burro a fuoco basso. Intanto infarinate leggermente gli straccetti. Quando il burro è completamente sciolto e inizia a sfrigolare unite la carne e fatela rosolare, mescolando, a fuoco vivo.


Quando gli straccetti si sono ben coloriti, aggiungete l'aceto balsamico, abbassate la fiamma coprite e continuate la cottura per pochi minuti (basta davvero poco, altrimenti diventano duri).
Serviteli ben caldi! 
Io, se li faccio con il burro non aggiungo sale...la carne è comunque abbastanza insaporita dall'aceto balsamico, e rimane un piatto comunque delicato. Se li preparo con l'olio d'oliva, aggiungo anche un po' di sale...per un sapore un po' più deciso.
Buon sabato!!

giovedì 21 ottobre 2010

Biscottini del Buongiorno...





Immaginate una bella domenica mattina, quando in casa c'è ancora silenzio e tranquillità.....l'inverno alle porte....fuori il cielo è terso anche se fa già freddino.....sulla tavola un cappuccino cremoso.......caldo e avvolgente e dei biscottini fatti apposta per farci iniziare meravigliosamente la giornata....
Li ho voluti chiamare così, biscottini del buongiorno, perchè davvero sono una coccola, un momento da dedicarsi....una frolla friabile ma non troppo, decisamente "morbidi".....
Li farò spesso, perchè meritano davvero...semplicissimi quanto buoni!


INGREDIENTI:
250 gr di burro morbido - 100 gr di zucchero a velo - un cucchiaio di miele - 1 uovo + 1 tuorlo (2 intere se sono piccole) - 370 gr di farna 00 - 25 gr di fecola

PREPARAZIONE:
In una ciotola capiente unite il burro morbido con lo zucchero e mescolate bene, aggiungete poi il miele e l'uovo e amalgamate il tutto. Unite a poco a poco la farina e la fecola fino ad ottenere un  composto omogeneo. Volendo si può aggiungere un aroma alla vaniglia o quello che preferite.
Trasferite il composto nella sac a poche, e formate dei biscotti sulla telia ricoperta di carta forno, o appena unta.

Infornate a 200 gradi per una decina di minuti....questi biscottini non dovrebbero colorirsi troppo.




Potete aggiungere delle mandorle o delle nocciole prima della cottura, oppure quando i biscotti si sono raffreddati potete intingerli nel cioccolato fuso!!

mercoledì 20 ottobre 2010

Festa.....

In questi giorni purtroppo non sto riuscendo a preparare chissà cosa....torno dal lavoro a degli orari assurdi, e questa sera inizia (finalmente) anche il corso di pasticceria....
Quindi per delle nuove ricette e idee vi rimando ai prossimi giorni!! Però ci tenevo a postare almeno qualche foto dei dolci e dei salati che ho preparato per la festa del mio "ometto"!!


I cornetti con i wurstel, le pizzette e gli spicchi di piadina con il cotto e il salame...


........e poi tra i dolci c'erano i "funghetti" con la crema al cioccolato e i mitici grissini golossissimi di MARIA di Dolci Tentazioni....che vi consiglio vivamente di andare a trovare!!

A prestissimo, con la prossima ricetta e il racconto del corso!!

martedì 19 ottobre 2010

Anch'io Spongebob...


.....alla fine il giorno della festa è arrivato!! E il mio "piccolo" è stato tanto contento di avere tutti i suoi amici intorno a festeggiare e a giocare! Quindi, anche se è stata dura preparare tutte "le cibarie",che vi posterò, ne è davvero valsa la pena!!

Questa è la torta....sicuramente posso solo migliorare, ma sono soddisfatta....peccato che non sono riuscita a trovare il colorante nero, ma mi sono arrangiata....
Era un pan di spagna, farcito con una ganache di cioccolato bianco....dolcissima!!



venerdì 15 ottobre 2010

Blog Action Day 2010

Ogni giorno compiamo un gesto che a noi sembra scontato: apriamo il rubinetto ed esce l'acqua...
Ma per molti non è per nulla scontato...C'è chi deve camminare per ore per averne un po'....

Fermiamoci per un secondo a pensare a quanto siamo fortunati.




L'ACQUA......FONTE DI VITA






Per firmare la petizione cliccate QUI

giovedì 14 ottobre 2010

Torta soffice bicolore



Visto che già da un po' di tempo, a casa mia, non si vive più senza un "dolcino", ho pensato di rivedere un po' una vecchia ricetta, presa non so più da dove, di una ciambella bicolore....
Per una merenda, o una colazione genuina non c'è niente di meglio di una tortina fatta in casa....ingredienti semplici e buon risultato (a patto che il vostro forno non faccia le bizze, come il mio certe volte). Una fetta di torta e una tazza di buon the, oppure un bicchiere di succo di frutta, e il gioco è fatto!! Bambini contenti e anche i grandi golosoni, come me!!

INGREDIENTI:
250 gr di farina 00 - 120 gr di zucchero di canna - 100 gr di burro - 3 uova - un bicchiere di latte - un pizzico di sale - mezza bustina di lievito vanigliato - 3 cucchiai di cacao in polvere - zucchero a velo per decorare

PREPARAZIONE:
Montate lo zucchero con il burro morbido (non fuso). Aggiungete i 3 tuorli, e poi la farina e il lievito setacciati alternati al latte. Montate gli albumi a neve e uniteli al composto, mescolando delicatamente dall'alto verso il basso. Dividete il composto in due ciotole e in una aggiungete il cacao e amalgamate bene.


Foderate una telia diam. 20/22 (la mia era più grande) con carta da forno e versate nel centro una parte del composto chiaro, poi versate sempre al centro sopra al chiaro una parte del composto scuro, e continuate così fino ad esaurimento. Sbattete leggermente la telia per fare stendere bene l'impasto e infornate a 180 gradi per 40 minuti circa, partendo da forno tiepido.
Sfornate, fate raffreddare e decorate con zucchero a velo!!



Come vi dicevo, il mio forno ogni tanto fa il furbo, infatti la tortina non si è cotta bene, però il sapore era buonissimo!!

mercoledì 13 ottobre 2010

Gelatine al succo d'arancia

Era tanto che volevo provarci...l'idea di fare delle caramelle per i miei bambini mi piaceva troppo!!!
Così ho provato....la prossima volta proverò ad usare la pectina, per vedere come cambia il risultato, però sono contenta perchè sono venute carine e buonissime!!
Ovviamente i bambini erano super felici, e le hanno chieste anche di altri gusti!!

INGREDIENTI:
200 gr di zucchero - 2 cucchiai di succo di limone - 10 cucchiai di succo di frutta (a scelta) - 12 gr gelatina in fogli - zucchero per spolverizzare

PREPARAZIONE:
Mettete la gelatina in acqua fredda per 10 minuti. In un tegamino unite lo zucchero, il succo di limone e il succo di frutta (io ho usato succo d'arancia) e portate a bollore.
Togliete dal fuoco, aggiungete la gelatina strizzata e mescolate fino a completo scioglimento.
Versate il composto in uno stampo ricoperto di carta da forno inumidita (così aderisce meglio).


Fate raffreddare e mettete in frigorifero per 2/3 ore almeno. Se li avete, potete usare anche degli stampini in silicone, anche se è un po' più difficile dopo estrarre le gelatine.
Una volta rassodate, estraete la carta da forno, poggiatela su un piano e tagliate le gelatine a quadretti, poi aiutandovi con una spatolina staccatele dalla carta forno e rotolatele sullo zucchero.
Io ho provato a fare queste a forma di stella, con uno stampo per il ghiaccio dell'Ikea....



Ho usato la ricetta di Hellyna e l'idea di Farfallinarosa del forum di Cookaround, che ringrazio di cuore!!!

lunedì 11 ottobre 2010

Cavolfiore gratinato



Sempre dall'orto dei nonni ecco qua un bel cavolfiore.....da fare come?? Al vapore!! Si, e poi? Solo al vapore sa di pochino!!

INGREDIENTI:
Un cavolfiore - olio EVO - 5/6 fette di prosciutto crudo - 6 sottilette - 50/60 gr di parmigiano grattuggiato

PREPARAZIONE:
Allora fate così: togliete le foglie esternedel cavolfiore, pulitelo e riducetelo a cimette, mettetelo nella vaporiera o nel cestello per la cottura al vapore (nell'acqua potete aggiungere qualche foglia di salvia o alloro o dell'erba aromatica che più vi piace). Fatelo cuocere finchè non si infilza la forchetta, poi togliete delicatamente le cimette dalla vaporiera. Ungete una pirofila con olio o se preferite burro, sistemate le cimette di cavolfiore e poi copritele con delle fettine di prosciutto crudo. Ricoprite con le sottilette e spolverizzate abbondantemente con il parmigiano. Infornate a 160 gradi con il gril per pochi minuti, e servite caldo.

domenica 10 ottobre 2010

Streghette casalinghe



Flavio ha voluto provare a fare le streghette....E ha fatto bene, perchè è stato molto molto semplice e il risultato è stato ottimo e gustoso!!
Le ha fatte metà alla paprika e metà ai semi di sesamo....ma volendo si possono usare altri aromi!
Sono ottime al posto del pane, come spuntino magari con un po' di formaggio spalmabile, o anche per decorare una vellutata o un semplice passato di verdure...




INGREDIENTI:
250 gr di farina - 8 cucchiai d'olio extravergine di oliva - un bicchiere d'acqua - paprika - semi di sesamo - sale

PREPARAZIONE:
Impastate la farina con l'olio, aggiungendo poca acqua alla volta, fino ad ottenere un composto omogeneo ed elastico. Lasciatelo riposare coperto da un panno per mezz'ora.


Accendete il forno a 180 gradi. Dividete poi l'impasto a metà.
Sulla spianatoia, aiutandovi con un po' di farina in una parte dell'impasto aggiungete la paprika e impastate nuovamente, ripiegando la pasta su se stessa più volte. Stendete l'impasto in una sfoglia sottile e ritagliate dei quadrati, salateli appoggiateli sulla placca da forno e infornate per 7/8 minuti, fino a doratura.

Stendete l'altra metà di pasta, spolverizzate con i semi di sesamo, passate leggermente il mattarello per farli aderire un po', salate, ritagliate i quadrati e infornate.

Verdure dall'orto

Ieri pomeriggio, mentre preparavo dei bignè da congelare per la prossima settimana che sarà il compleanno di mio figlio piccolo, sono venute a trovarmi la mia mamma e la mia nonna. Ovviamente con una borsina, anzi borsona, piena di verdure dell'orto! (prima o poi dovrò andare a fotografarlo)
Quindi stamattina, per la gioia di mio marito, mi sono data alla preparazione di una parte delle verdure....cime di rapa stufate, e una padellata di peperoni verdi.

Per le cime di rapa fate un fondo con olio d'oliva, aglio e un bel peperoncino, poi unite le verdure lavate, scolate e tagliate. Fatte cuocere una mezz'ora e salate un po' a fine cottura.



Per la padellata di peperoni affettate una cipolla rossa,  fatela appassire in padella con un po' d'olio d'oliva, tagliate a metà i peperoni, eliminate i semi e i filamenti, riducete a tocchetti e poi aggiungete in padella. Salate appena e fate cuocere circa venti minuti, e comunque fino a che i peperoni saranno morbidi.



Questi sono due contorni rapidi che possono accompagnare tanti piatti di carne, ma anche uova al tegamino o sode...

giovedì 7 ottobre 2010

Stufatino di salsiccia e patate



Ecco una di quelle ricette da preparare, lasciar li e mangiare la sera dopo....accompagnata da TANTO pane!!!
Ricetta rustica, da gustare con una bella bottiglia di rosso corposo, magari con gli amici...
Semplice e veloce da preparare, ma che accontenta sempre tutti!

INGREDIENTI:
1 cipolla - 4/5 patate - 1 kg circa di salsiccia - un bicchiere di vino rosso - olio EVO - 500 gr passato pomodoro

PREPARAZIONE:
Affettate la cipolla (non tritatela), fatela appassire in tegame capiente. Sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti non troppo piccoli, e aggiungeteli alla cipolla.



Fatele cuocere qualche minuto, intanto tagliate la salsiccia a pezzetti. Aggiungetela nel tegame, fatela rosolare un po' a fuoco vivace,  poi unite il vino rosso e fate sfumare. Abbassate la fiamma, unite il passato di pomodoro e continuate la cottura per un'oretta almeno.
Io non ho aggiunto sale, perchè la salsiccia è già parecchio saporita.

lunedì 4 ottobre 2010

Cosciotto d'agnello al forno

Ecco qua l'autunno....palesemente è arrivato e con lui arrivano anche quelle mattine di nebbia che ti entra nelle ossa e che io proprio detesto!! Fra un po' sarà il momento di riaccendere la stufa, magari solo la sera per stemperare un po' l'aria, e sicuramente accendere il forno non è più un problema, come quest'estate, quando facevamo la sauna in casa!
Così ieri abbiamo pensato di fare un bel cosciotto al forno...mio marito va matto per queste cose!!

Allora serve un bel cosciotto di agnello, che il nostro bravo macellaio ci ha preventivamente inciso, così abbiamo fatto poca fatica a tagliarlo una volta cotto; poi del rosmarino e delle fette di pancetta per avvolgere il cosciotto. Mettete in forno e cuocete per circa un'ora, e comunque in base alla grandezza del cosciotto. Noi non lo abbiamo bagnato col brodo, ed era comunque tenero, però credo che si possa bagnare ogni tanto con un po' di brodo, come un normale arrosto...
E per contorno un classico: il purè di patate!!

sabato 2 ottobre 2010

Ricordi d'infanzia....



Quando ero bambina e vivevo ad Albenga, la domenica mattina a volte andavamo in pasticceria a prendere un vassoietto di pasticcini...ogni tanto li sogno ancora adesso...perchè qui a Imola, dove vivo ora, non li fanno così....



Una fila di barchette con la crema al cioccolato e la ciliegina candita, una fila di funghetti spolverizzati di cacao, una fila di biscotti secchi con i pinoli, una fila di sfogliatine, una fila di cannolini alla crema e i bignè....
I miei adorati bignè con la crema, la panna e il "cappellino"....Li mangiavo praticamente tutti io...bellissimi da vedere e buonissimi da mangiare!! Quindi non potevo non provarci!!

INGREDIENTI:
per la pasta choux: 250 ml di acqua - 150 gr di farina 00 - 80 gr di burro - 4 uova - un pizzico di sale

per la crema pasticcera: 500 ml latte - 4 tuorli - 120 gr di zucchero - una bacca di vaniglia - 50 gr farina

per decorare: 250 ml di panna,  montata e zuccherata - zucchero a velo

PREPARAZIONE:
Accendete il forno a 210 gradi. Setacciare la farina in una ciotola. In un tegame unire l'acqua, il burro a pezzetti e il sale. Fare sciogliere il burro e portare a ebollizione. Fuori dal fuoco aggiungere tutta la farina in una sola volta mescolando continuamente; rimettere sul fuoco e lasciare cuocere per uno o due minuti finchè la pasta non si stacca dai bordi e forma una palla omogenea (si dovrebbe sentire sfrigolare). Versare la pasta in un recipiente preferibilmente in vetro, stenderla un po' nei bordi per farla scendere di temperatura e dopo incorporare le uova una a una, mescolando energicamente prima di introdurre la successiva. Deve risultare una consistenza morbida, tipo crema.
Riempite la sac a poche (con una punta liscia di 10-12) con la pasta choux e, su una telia imburrata o con carta da forno, formate i bignè, ben distanziati l'uno dall'altro. Infornate a 210 gradi. Dopo 7/8 minui abbassate a 180 gradi e cuocete per circa 15/20 minuti,  fino a completo essiccamento.
Fate poi raffreddare i bignè.
Preparate la crema. In un tegame portate quasi a bollore il latte con la bacca di vaniglia incisa. In una ciotola unite i tuorli allo zucchero e mescolate, poi aggiungete la farina setacciata e amalgamate il tutto. Togliete la bacca di vaniglia dal latte e aggiungetene circa metà al composto di zucchero uova e farina. Mescolate bene e poi versate il composto nel tegame con il latte rimanente. Riportate sul fuoco e fate cuocere la crema finchè non si addensa, continuando a mescolare sempre per non farla attaccare. Una volta pronta versatela in un recipiente e mescolate per farla raffreddare un po'. Se la preparate prima tenetela in frigo coperta con la pellicola a contatto.
Ora si possono farcire i bignè. Tagliate le calottine (i cappellini) ai bignè e con la tasca da pasticceria riempiteli di crema. Poi montate la panna leggermente zuccherata e formate dei ciuffetti su ogni bignè, rimettete le calottine e spolverizzate con lo zucchero a velo!!


La ricetta della pasta choux è tratta dal libro di testo della scuola alberghiera che frequenta l'amico di mio figlio (LA SCUOLA DI CUCINA 1 di Paolo Gentili).

Con questa ricetta partecipo al contest Sapore di Ricordi di BASILICO, MALVA & CERFOGLIO