.

.
Tutte le ricette, se non altrimenti specificato, sono per 4 persone

giovedì 3 novembre 2011

Soupe Parmentier


Questa ricetta l'ho vista praticamente ovunque, in diverse varianti...ce l'ho su 4 o 5 libri di cucina e credo che ogni blogger abbia fatto la sua versione...e sapete perché? Perché è davvero buona! E' semplicissima, si "fa" da sola, calda e avvolgente per le sere d'inverno.....e anche se ha un colore molto neutro, non so perché ma mi fa pensare alle feste...forse per il fatto che la immagino bella fumante su una tavola colorata, con il fuoco che scoppietta nella stufa e le decorazioni di natale che fanno bella mostra...ma sono solo mie idee. Comunque sia la farò spesso quest'inverno, magari aggiungendo qualche altra verdura, per nuove, saporite varianti!
Il nome di questa zuppa deriva da un agronomo e farmacista vissuto nel '700, Antoine-Augustin Parmentier, che dimostrò le qualità nutrizionali delle patate.
Ma vediamo come si fa...



INGREDIENTI:
500 gr di patate al netto degli scarti - 2 porri - 50 gr di burro - 1 lt di brodo vegetale - 150 ml di panna fresca
sale - pepe nero - crostini di pane - erba cipollina o cerfoglio o prezzemolo

PREPARAZIONE:
Pulite i porri, eliminate la prima foglia esterna e tagliateli a rondelle sottili, metteteli in un colino e sciacquateli per bene. Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti. In una casseruola fate sciogliere il burro, poi soffriggete leggermente il porro. Unite le patate, bagnate con il brodo, portate a bollore e fate cuocere a fuoco basso, coperto per una ventina di minuti.
Aggiungete poi la panna, frullate con il frullatore a immersione, assaggiate e regolate di sale se serve. Spolverizzate con del pepe, preferibilmente macinato fresco, e terminate la cottura per altri 5/10 minuti.
Tritate il prezzemolo o tagliuzzate l'erba cipollina.
Servite la zuppa calda con l'aggiunta delle erbe tritate e dei crostini di pane croccanti.

Buona serata e a presto!!!!

17 commenti:

  1. ciao, ma sai che invece io non conoscevo questa zuppa......fantastica!!!!
    grazie

    RispondiElimina
  2. Io sono una delle poche persone che non l'ha mai fatta, però riconosco la sua bontà. La tua è una delizia... bacioni cara

    RispondiElimina
  3. tati, stasera con questo freschino ci vorrebbe proprio questa zuppa!!! ciao, un bacione

    RispondiElimina
  4. I piatti caldi e fumanti sono proprio quelli che cerco quando, dopo una giornata fredda, si ha solo voglia di scaldarsi. E poi è davvero bella, immagino che buona! Un bacione

    RispondiElimina
  5. Ottima questa zuppa...me la segno! Ciao

    RispondiElimina
  6. è da SEMPRE che voglio provare a farla e vedere la tua così setosa mi ha fatto venire l'acuolina...

    RispondiElimina
  7. Oddio che bontà questa zuppa! Davvero golosa! E perfetta per l'autunno! ;-)

    RispondiElimina
  8. Mamma mia Tiziana deve essere una delizia questa zuppa e d'inverno adoro questo genere di piatti!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  9. A chi lo dici! Quando inizia a fare freddo io ci vivrei di zuppe! Prendo nota della tua versione, mi piace molto :-)

    RispondiElimina
  10. Che buona, così bella che scalda il cuore! :)

    RispondiElimina
  11. FAVOLOSA! calda e avvolgente come una coperta! un bacio cara!

    RispondiElimina
  12. Ciao cara Tiziana, questa soupe è davvero affascinante! Buon fine settimana,

    RispondiElimina
  13. Dev'essere buonissima e delicatissima!! anche a me fa' un effetto di calore casalingo natalizio,nn sei la sola ma se ci pensi bene tutto cio' che e' caldo e si magi col cucchiaio fa' questo effetto!!! bravissima come sempre io cosi' ci faccio la zuppa di zucca sostituendo le patate con la zucca e aumentando un po' di cipolla..prova poi mi dirai!!! bacio e buon week!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Parmentier è anche il nome di una fermata di metropolitana di Parigi,
    della linea 3, accanto alla famosa Place de la République.
    Antoine Parmentier (1737-1813),
    famoso per aver sfamato l'esercito francese con le patate, con grande scalpore e diffidenza del popolo francese, che la vedeva solo come cibo per gli animali.
    Protetto da Luigi XVI, lascia Parigi perchè trattato da "sospetto" durante il periodo del Terrore.
    Nel 1794 sarà nominato primo farmacista dell'esercito, nonchè ispettore generale del servizio di sanità.
    Anche altri piatti di patate hanno preso il suo nome!
    Ma è Charles de l'Ecluse che ne fa la prima descrizione scientifica nel 1601.

    RispondiElimina
  15. avevo il timore di averti offesa... ma quando si parla di Francia, a ovlte non riesco a trattenermi!!!
    bacetti...............

    RispondiElimina

Grazie mille per la visita!!