.

.
Tutte le ricette, se non altrimenti specificato, sono per 4 persone

lunedì 28 novembre 2011

Fagotti con crudo di Parma e contorno di patate schiacciate



Ciao a tutti! Inizia una nuova settimana e io purtroppo sono a casa ammalata! Un raffreddore e un mal di gola davvero da paura...uffa! Visto che ho la testa che mi fa male e mi lacrimano gli occhi, faccio una bella fatica a stare al pc, quindi sarò brevissima, e vi lascio questa ricetta!! A presto, con la chiusura del contest..

INGREDIENTI:
4 fettine di fiorentina senz'osso (o sottofiletto) - 4 fette di prosciutto crudo di Parma - senape - Burro alla salvia di Cascina San Cassiano - uno spicchio d'aglio - rosmarino - timo - sale - pepe - 3 patate - olio evo - sale aromatico - aceto di mele



PREPARAZIONE
Cuocete le patate, al vapore, o al microonde, poi sbucciatele e fatele raffreddare. Schiacciatele con una forchetta, conditele con olio extravergine, sale aromatico, pepe e aceto di mele e tenetele da parte.
Spalmate su ogni fetta di carne un cucchiaino di senape, poi sistemateci sopra le fette di prosciutto. Ripiegate le fette a metà e fermate con uno stuzzicadenti. Fate un trito con l'aglio, il rosmarino e il timo, unite un po' di sale e usatelo per insaporire le fette di carne da entrambe i lati.
In una padella capiente fate sciogliere due o tre cucchiaini di burro alla salvia, poi unite la carne e fatela rosolare per due/tre minuti per lato, regolate di sale e pepe (poco sale perché era già nel trito), e terminate la cottura.
Servite il fagotto al prosciutto con le patate.

Alcune note:
Per ulteriori informazioni sulla cottura delle patate potete guardare QUI.
Il sale aromatico è quello che avevamo preparato al corso, con le erbe fresche: 100 gr di erbe aromatiche per Kg di sale (30% di rosmarino  30% di salvia - aneto - timo - maggiorana - 1 foglia di alloro - 3/4 spicchi d'aglio e peperoncino se piace).



sabato 26 novembre 2011

Bruschetta pigrissima


                                                                                                         scroll down for english version

La mia sorellina mi ha mandato un'altra ricettina per il contest, e come dice il titolo, davvero pigrissima!!!
Una di quelle ricette da studenti? Che tornano dall'università, all'ora di pranzo, super affamati.......e allora eccovela. E anche stavolta abbiamo la versione della ricetta in lingua inglese!!

Vi ricordo che ormai mancano pochissimi giorni al termine del mio contest, quindi affrettatevi!! Buon week end!!



INGREDIENTI:
2 fette di farinata appena fatta - 2 salsicce (le mie sono di manzo al pepe nero) - 4 cucchiai di passata di pomodoro

PREPARAZIONE:
Aprite le salsicce e fatele cuocere alla griglia, girandole una volta o due. Mettete le salsicce sopra la farinata ancora calda, aggiungete sopra la passata e mangiate!


Farinata (8 fette)
Mescola 150g di farina di ceci con 500ml d'acqua, e fa riposare una notte. Il giorno dopo, togli la schiuma che si e' formata in superficie, metti in un contenitore lungo e basso, ben oliato, e inforna (circa 25' a 180°)




Very lazy Bruschetta

Ingredients:                                                                                          
2 slices of freshly made farinata - 2 sausages (myne are beef with cracked black pepper) - 4 spoonfuls of passata
                                                                       
How to:
Cut open the sausages and cook over a griddle pan, turning once or so. Put one sausage on top of the still hot farinata, and layer some passata on top. Eat!  

Farinata (8 slices)
mix 150 g of chickpea flour with 500ml of water, and leave overnight. The next day, remove the bubbly water on top, put in an oiled tray and bake (25' at 180° fan)                                                                                                                                                                        
                                                                         

giovedì 24 novembre 2011

Cestini di sfoglia all'albicocca



Dunque, vediamo un po', quante volte vi capita di avere voglia di qualcosa di dolce? Di un dolcino che vi coccoli un po', da gustare con una tazza di tè, mentre leggete un buon libro?
....questo è quello che mi è capitato l'altro giorno....e allora ecco cosa ho fatto:



INGREDIENTI:
un rotolo di pasta sfoglia - confettura di albicocche (io di Casa Barone o Fiorentina di sopra) - granella di nocciola e codette di zucchero


PREPARAZIONE:
Accendete il forno a 200 gradi. Con un coppapasta tagliate dei dischi di pasta frolla Foderate con i dischi le impronte di uno stampo da muffin (io ho quello di Guardini). Riempite i cestini ottenuti con due cucchiaini di marmellata, poi coprite con dei triangolini di pasta sfoglia ottenuti dai ritagli rimasti, decorate con la granella di nocciola o le codette di zucchero. Infornate per 7/8 minuti.


lunedì 21 novembre 2011

Coda di rospo con Pomodorini del Piennolo



La coda di rospo...e i pomodorini del Piennolo....un filo d'olio extravergine di qualità e la cena è servita.
Rapidissima ricetta, per le sere in cui si arriva tardi e si ha voglia di un piatto sano e saporito....e quindi questa ricetta la dedico alla mia amica Meli....(perchè le servono idee veloci e gustose)
Mi scuso se sono poco presente negli ultimi tempi, ma tra il lavoro e i compiti dei "bimbi" ho i minuti contati, vi auguro comunque una buona settimana, che per me è cominciata con una giornata che resterà memorabile!
A presto!! E ricordatevi che ci sono ancora pochi giorni per partecipare al mio contest!!

INGREDIENTI:
4 piccole code di rospo - 2 o 3 cucchiai di olio evo - 2 piccoli spicchi d'aglio - prezzemolo - un vasetto di pomodorini del Piennolo di casa Barone (o pomodorini ciliegini) - sale nero di Cipro


PREPARAZIONE:
Fate scaldare l'olio in una padella capiente, poi unite l'aglio leggermente schiacciato ma non sbucciato (in camicia). Unite i pomodorini, regolate di sale e lasciate insaporire. Unite le code di rospo, e cuocetele per 6/8 minuti rigirandole a metà cottura. Regolate di sale e spolverrizzatele con il prezzemolo tritato.
Servitele con un filo d'olio extravergine e accompagnate da un buon pane casereccio!

Alcune note: Se non vi piacciono le buccine dei pomodori, potete frullarli prima di metterli in cottura, oppure usare dei pelati, ridotti a cubettini e fatti insaporire per una decina di minuti con olio, aglio e qualche erba aromatica, prima di unire il pesce!

venerdì 18 novembre 2011

Pasta cremosa alle verdure e Taleggio



Ciao a tutti!! Come state? Io bene, anche perchè oggi è finalmente venerdì, e mi aspettano 2 giorni di riposo!! Ne ho bisogno, e anche di un po' di svago..
Per augurarvi un buon fine settimana vi lascio questa ricetta...cosa dite, è abbastanza gustosa??

INGREDIENTI:
Pasta formato Pecorara del Pastificio La mugnaia di Elice - 2 carote - 2 zucchine - 2 fette spesse di pancetta affumicata - 180 gr di Taleggio - sale - 3 o 4 funghi champignon


PREPARAZIONE:
Lessate la pasta in abbondante acqua salata. Pulite le carote e le zucchine, spuntatele e tagliatele a tocchetti, magari in diagonale. Tagliate la pancetta a cubetti, e il Taleggio a pezzetti. Pulite i funghi e tagliateli a fettine sottili.
Fate rosolare la pancetta in una padella, senza aggiungere olio, poi unite le carote e fatele cuocere per qualche minuto coperte, aggiungendo un goccio d'acqua. Unite le zucchine, e proseguite la cottura per altri cinque sei minuti. Poi aggiungete i funghi e terminate la cottura. Qualche minuto prima di spegnere il fuoco unite i pezzettini di Taleggio e mescolate bene, fino a farlo sciogliere completamente.
Scolate la pasta e saltatela con il condimento. Servite subito!!


martedì 15 novembre 2011

La parola al cibo: I carboidrati

Ecco per voi il quarto appuntamento della rubrica a cura della nostra nutrizionista Susi Abbondanza....buona lettura!!

I carboidrati
Ben ritrovati, continuiamo il nostro viaggio per capire cosa mettiamo nel piatto parlando dei carboidrati, che tutti immaginiamo solo come pasta, riso e pane ma che in realtà sono un argomento ben più ampio visto che anche zucchero e dolci sono carboidrati così come frutta e verdura e anche qui, come per i grassi, non tutti i carboidrati sono uguali, abbiamo quelli buoni e quelli nocivi.

CARBOIDRATI BUONI
In realtà in questa categoria potremmo inserire tutti i carboidrati ma SOLO se integrali al 100%
Riso, pasta, pane, verdure, legumi, e la frutta.
Questi sono carboidrati non solo tollerabili ma necessari alla nostra salute, in quanto ricchi di fibre e fitonutrienti.

CARBOIDRATI NOCIVI
Dobbiamo inserire tutte le versioni non integrali di pasta, pane e riso (si proprio quelle che usiamo di più) e poi tutti i cibi industriali inclusi cracker, fette biscottate e pizza (per fortuna qualche pizzeria comincia a farla con farine di farro o kamut integrali. Cercatele e comunicatele sul blog, vanno premiate!)

CARBOIDRATI DA EVITARE
Sono zucchero, dolcificanti, marmellate, merendine, liquori, bevande e succhi di frutta con zucchero.

Quando si analizzano i carboidrati e si valuta la loro specifica funzione, si scopre che quelli integrali sono ricchi di fitonutrienti in grado di modulare l’espressione dei nostri geni e quindi di aiutarci a rimanere sani. Inoltre possiedono un basso indice glicemico, vale a dire una scarsa capacità di innalzare la glicemia e di stimolare la produzione di insulina.
Si può dire quindi che i carboidrati buoni hanno un elevato indice di fitonutrienti e un basso indice glicemico. Questo è molto importante perché sono proprio i fitonutrienti i principali messaggeri che veicolano le informazioni contenute nel cibo, all’interno delle nostre cellule e che, regolando l’espressione genica, determinano la nostra salute e il nostro peso. Per questo una dieta corretta dovrebbe prevedere una netta prevalenza di cibi vegetali e integrali.
Pane bianco, pasta bianca , riso bianco, cerali da colazione, sono fondamentalmente alimenti vuoti, ricchi solo di calorie, con elevato indice glicemico ma con una sostanziale assenza di fitonutrienti. Ed è per questo che, anche mangiandone in abbondanza, il nostro corpo non riceve ciò che gli occorre e quindi persiste lo stimolo della fame, inducendoci a mangiare sempre di più causando così il sovrappeso.
Il carico glicemico è la misura più utile per valutare una dieta, anche perché risente della composizione del pasto e dell’abbinamento dei cibi.
Facciamo degli esempi: piatto di pasta non integrale con sugo, piccola insalata, caffè con zucchero. Comune vero? Eppure questo pasto apparentemente innocuo ha un carico glicemico molto elevato.
Non c’è abbastanza fibra per ridurre la velocità di assorbimento degli zuccheri, facendoci presto sentire la fame.
Al contrario, verdure al vapore, fagioli e pasta integrale (quella vera non quella fatta di farina bianca con aggiunta di crusca) anche se in quantità maggiori, ci forniscono un pasto ricco di fibre e proteine, con basso carico glicemico e con un insieme di fitonutrienti in grado di trasmettere le informazioni corrette alle nostre cellule.
Nel prossimo appuntamento andremo a parlare dei danni dello zucchero e dei doni dell’olio d’oliva.
Buona vita.

SUSI ABBONDANZA consulente nutrizionale. www.circololemuria.it susiabbondanza@gmail.com
N.B. le informazioni scientifiche sono tratte dal libro del Dott. Filippo Ongaro, Mangia che ti passa.

lunedì 14 novembre 2011

Farrotto alle verdure e funghi


Questa ricetta è semplicissima e deliziosa. L'avevamo preparata al corso di cucina, usando l'orzo e altre verdure, ma come in tante ricette, c'è spazio per variazioni sul tema!! Provatela, vi conquisterà con la sua semplicità e la freschezza dei sapori e cuocendo le verdure a fuoco basso, con il coperchio, manterrete le loro vitamine e il loro splendido colore. E con questo piatto colorato vi auguro una splendida settimana...

INGREDIENTI:
300 gr di farro bio di Agribosco- un porro - 2 carote - 3 zucchine - un peperone rosso - funghi champignon - qualche cima di broccoli - sale - erbe aromatiche (timo, rosmarino, salvia)- aglio - olio evo - 30-40 gr di burro - parmigiano grattugiato


PREPARAZIONE:
Fate cuocere il farro per circa 20 minuti in acqua salata. Pulite le verdure e tagliatele a tocchetti. Tagliate i funghi a fettine sottili. Fate un trito con uno spicchio d'aglio e le erbe aromatiche. Tritate finemente il porro e fatelo stufare in un tegame con olio e un goccio d'acqua. Unite le verdure, cominciando dalle più dure (carote) e aggiungendo via via le altre. Fate cuocere per una decina di minuti a fuoco basso, coperto, aggiungendo poca acqua se serve. Le verdure devono rimanere sode, quindi evitate di cuocerle troppo. Unite i funghi, regolate di sale e aggiungete il trito di aglio e erbe. Scolate il farro e unitelo alle verdure. Fate insaporire qualche minuto, poi mantecate con burro e parmigiano.

Con questa ricetta partecipo al contest di Montagne di biscotti


Alcune note:
Ovviamente potete usare le verdure che più vi piacciono, zucca, pomodoro...oppure legumi o ancora cubetti di prosciutto o speck o salsiccia sbriciolata....
Per non rischiare di cuocere troppo le verdure, e ritrovarvele quindi mollicce, il mio consiglio è di assaggiarle ogni tanto.



venerdì 11 novembre 2011

Quenelle o in italiano Chenelle...di ceci e patate su crema di broccoletti



Dal corso di cucina, ecco un piatto completo, sfizioso, adatto come antipasto se fate le quenelle piccoline, o come piatto unico. Contiene i carboidrati delle patate, le proteine dei ceci, e le vitamine dei broccoli.
Se volete alleggerirlo un po', potete evitare la frittura delle quenelle, e lasciarle in versione cremosa, anche se vi assicuro che con l'olio alla giusta temperatura, fate una frittura leggera che le rende croccantissime.
Con questa ricetta ho pensato di partecipare al contest della Fata più Golosa del web..



INGREDIENTI:
300 gr di patate - 50 gr di cipolla rossa - una lattina di ceci - 30 gr di farina integrale - 20 gr di farina di riso (+2 cucchiai) - pane grattato - 150 gr di broccoli - 50 gr di latte - aglio - zenzero - olio evo - sale aromatico (sale con erbe aromatiche miste) - olio di semi

PREPARAZIONE:
Sbucciate le patate e tagliatele a dadini. Tritate la cipolla grossolanamente, fatela appassire in un tegame con un po' di olio. Aggiungete le patate, dell'acqua e portate a cottura. Cinque minuti prima della fine della cottura unite i ceci e regolate di sale (non deve rimanere troppo liquido di cottura, eventualmente eliminatelo).
Tagliate i broccoli e fateli cuocere con poca acqua salata e un pochino d'olio in un tegamino. Unite il latte, terminate la cottura poi passate con il frullatore ad immersione. Se volete addensare la cremina potete aggiungere uno o due cucchiaini di farina di riso.
Tritate l'aglio e lo zenzero, poi unitelo alle patate, mescolate e spegnete. Passate con il frullatore ad immersione, non troppo, possono rimanere anche dei pezzi più grossi. Unite la farina di riso e quella integrale, riportate sul fuoco mescolando per un paio di minuti per cuocere le farine.
In un piatto unite pangrattato e poca farina di riso con sale aromatico. Con l'aiuto di due cucchiai formate le quenelle, trasferendo il composto da un cucchiaio all'altro, dal basso verso l'alto (è difficile da spiegare, più facile da fare!), poi impanatele.
Friggetele in abbondante olio di semi ben caldo, poi scolatele su carta assorbente.
Servitele calde sulla crema di broccoli.

Alcune note:
Dopo l'aggiunta della farine, alla base di patate si possono aggiungere verdure a piacere, o carne, tipo salsiccia, prosciutto cotto, speck o altro.
La crema di broccoletti può ovviamente essere sostituita da una crema di una verdura a vostra scelta.



mercoledì 9 novembre 2011

Sfogliatine con le mele profumate alla cannella....una "dolce tentazione" per i bambini di Rocchetta Vara



Questa dolce ricetta, dal corso di cucina, la dedico ad un'amica...Maria, ci mancano le tue dolci tentazioni, ti aspettiamo!!

Non voglio scrivere frasi retoriche o fare del buonismo, ma dirvi solo che ognuno di noi può fare qualcosa per aiutare chi è stato colpito dall'alluvione, in questo caso dei bambini...vi rimando a questo post dove Patrizia ci racconta la storia dei bambini di Rocchetta Vara, che non hanno più le case che li ospitavano, devastate dall'acqua. Pensate che questi bambini sono stati messi in salvo di notte, guadando un fiume e poi con gli elicotteri...spaventoso! Vi lascio gli estremi bancari dell'associazione Gulliver, che si prende cura di loro, e che ha bisogno dell'aiuto di tutti per ripulire e ricostruire le case-famiglia....questa ricetta è anche per tutti loro!



INGREDIENTI:
un rotolo di pasta sfoglia - 40 gr di zucchero di canna - due mele - cannella - 10 gr di burro- zucchero a velo


PREPARAZIONE:
Sbucciate le mele e tagliatele a dadini. Fatele caramellare con lo zucchero di canna e il burro in una padella, poi profumatele con la cannella.
Tagliate la pasta sfoglia della forma che più vi piace (noi al corso l'avevamo fatta a forma di mela), poi spolverizzatela con un po' di zucchero di canna. Fatela cuocere in forno caldo a 200 gradi per 10-12 minuti.
Tagliate le sfogliatine, riempitele con le mele e richiudete.
Decorate con zucchero a velo.

Potete aggiungere alle mele anche dell'uvetta sultanina precedentemente ammollata, magari nel rum.
Ottime anche con l'aggiunta di crema o mascarpone!!

lunedì 7 novembre 2011

Cordoni di frate...(Tuck)



Trovare il nome a questo piatto è stato facile e divertente...ora vi spiego. Ho usato un formato di pasta della Mugnaia di Elice, i cordoni di frate, invece per il condimento ho copiato da un piatto che veniva preparato nel ristorante di un nostro caro amico, dove tra l'altro ho anche lavorato, prima di avere i bambini. Lui faceva le tagliatelle alla Sherwood, cioè con noci, funghi, speck e panna....a questo punto avrete capito...Sherwood è la foresta dove erano ambientate le storie di Robin Hood e dei suoi compagni, tra cui Fra' Tuck....quindi Cordoni di Frate Tuck era inevitabile!!!
Non ho messo le quantità perchè credo che siano molto soggettive, potete abbondare di uno o un altro ingrediente, in base ai vostri gusti!! Buona settimana!!!

INGREDIENTI:
1 confezione di cordoni di frate della Mugnaia di Elice - funghi champignon - speck in fette sostenute - noci - mascarpone - latte - olio evo - porro - sale - pepe nero


PREPARAZIONE:
Pulite i funghi con un panno o un pennelino e tagliateli a fettine sottili. Tagliate lo speck a cubetti o listarelle. Sgusciate le noci e tritatele grossolanamente. Emulsionate qualche cucchiaio di mascarpone con un po' di latte, fino a renderlo fluido e insaporitelo con un pizzico di sale e del pepe.
Fate appassire il porro, tritato finemente, in una padella con poco olio, poi unite lo speck e lasciate rosolare. Aggiungete i funghi, abbassate la fiamma e fateli cuocere per 6/7 minuti. Unite le noci e il mascarpone, mescolate e fate insaporire il tutto, regolando di sale e pepe. Lessate la pasta in abbondante acqua salata, poi scolatela e fatela saltare in padella con il condimento. Servite subito!


venerdì 4 novembre 2011

La bruschetta di mia sorella!

ovvero Bruschetta con Cheddar e Chanterelle                              scroll down for english version






In questo post, oggi, avrei davvero tante cose da dirvi....il mio "bimbo" ha compiuto 13 anni....sembra ieri che mi ha guardato per la prima volta con i suoi grandi occhioni belli....e ormai è già alto una buona spanna più di me, e porta il 46 di scarpe....oggi era anche l'anniversario mio e di Flavio, di quando ci siamo "messi insieme" come si diceva una volta (non so se si dice ancora così)....bella coincidenza no??!! Una giornata di lavoro, ma di festeggiamenti allo stesso tempo...di tenerezze e un po' di malinconia...di una mamma che vede i suoi figli diventare grandi, ma anche di soddisfazione!! Ma nello stesso momento una giornata di riflessione....il mio pensiero va alla mia terra, quella dove sono nata, che di nuovo viene tragicamente portata via dall'acqua...
spero con tutto il cuore che la pioggia smetta di accanirsi..
Ma veniamo alla cucina, e alle sue delizie..e alleggeriamo i pensieri..
La mia sorellina mi ha mandato via mail il suo contributo da Edimburgo al mio contest. Me l'aveva promesso, ed eccovi la sua ricetta, con un formaggio tipico inglese....e per la prima volta su Cucinando e assaggiando anche la versione in inglese!!! Wow, davvero professionale!!! Visto che non ho fatto "copia-incolla" spero di non aver fatto errori....Lalina controlla, e fammi sapere!! (farò le correzioni in rosso)

INGREDIENTI:
2 fette di pane buonissimo* - 160 gr di funghi chanterelle (galletti) - 1/2 fetta di formaggio cheddar all'aglio e peperoncino - olio evo - erbette miste (basilico, timo, rosmarino, maggiorana)

PREPARAZIONE:
Far cuocere i funghi in padella con l'olio e le erbette. Distribuire sulle fette di pane, coprire con pezzetti di formaggio. Riscaldare sotto il grill per qualche minuto e..... buon appetito!!

* Pane buonissimo: 350 gr di farina integrale - 100 gr di avena integrale - 100 gr di farina di farro integrale - 200 gr di farina di grano saraceno integrale - 2 cucchiai di semi di papavero (tutto mescolato) - 300 ml di acqua tiepida con un cucchiaio raso di lievito secco attivo - 2 cucchiai di Nettare d'Agave - 6 cucchiai di olio evo - un pizzico di sale. Impastare una volta, far riposare. Rilavorare, dare forma e lasciar lievitare nuovamente. Infornare per circa  40 minuti a 180 gradi.
Biologico è meglio!!


INGREDIENTS:
2 slices of gorgeous bread** - 160 gr chanterelle mushrooms - 1/2 slice garlic and jalapeno cheddar - extra virgin olive oil - herbs

HOW TO:
Quickly fry in a pan the mushrooms, with some oil and the herbs. Then layer on the bread, cover with crumbled cheddar and grill for a few minutes. Enjoy!!

** Gorgeous bread: 350 gr wholewheat flour - 100 gr wholemeal oats - 100 gr wholewheat spelt flour - 200 gr buckwheat flour - 2 tbs poppy seed - (mixed together) - 300 ml of warm water with yeast - 2 tbs of agave nectar - 6 tbs of olive oil - a pinch of salt. Work once, rest, work again, rest and cook for about 40 minutes at 180° fan.
Organic is best!

giovedì 3 novembre 2011

Soupe Parmentier


Questa ricetta l'ho vista praticamente ovunque, in diverse varianti...ce l'ho su 4 o 5 libri di cucina e credo che ogni blogger abbia fatto la sua versione...e sapete perché? Perché è davvero buona! E' semplicissima, si "fa" da sola, calda e avvolgente per le sere d'inverno.....e anche se ha un colore molto neutro, non so perché ma mi fa pensare alle feste...forse per il fatto che la immagino bella fumante su una tavola colorata, con il fuoco che scoppietta nella stufa e le decorazioni di natale che fanno bella mostra...ma sono solo mie idee. Comunque sia la farò spesso quest'inverno, magari aggiungendo qualche altra verdura, per nuove, saporite varianti!
Il nome di questa zuppa deriva da un agronomo e farmacista vissuto nel '700, Antoine-Augustin Parmentier, che dimostrò le qualità nutrizionali delle patate.
Ma vediamo come si fa...



INGREDIENTI:
500 gr di patate al netto degli scarti - 2 porri - 50 gr di burro - 1 lt di brodo vegetale - 150 ml di panna fresca
sale - pepe nero - crostini di pane - erba cipollina o cerfoglio o prezzemolo

PREPARAZIONE:
Pulite i porri, eliminate la prima foglia esterna e tagliateli a rondelle sottili, metteteli in un colino e sciacquateli per bene. Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti. In una casseruola fate sciogliere il burro, poi soffriggete leggermente il porro. Unite le patate, bagnate con il brodo, portate a bollore e fate cuocere a fuoco basso, coperto per una ventina di minuti.
Aggiungete poi la panna, frullate con il frullatore a immersione, assaggiate e regolate di sale se serve. Spolverizzate con del pepe, preferibilmente macinato fresco, e terminate la cottura per altri 5/10 minuti.
Tritate il prezzemolo o tagliuzzate l'erba cipollina.
Servite la zuppa calda con l'aggiunta delle erbe tritate e dei crostini di pane croccanti.

Buona serata e a presto!!!!

martedì 1 novembre 2011

Bruschetta con carciofi e gorgonzola




Per iniziare il nuovo mese vi propongo una bruschetta sfiziosa...se amate i carciofi vi piacerà sicuramente, e non è nemmeno difficile da preparare!
Oggi qui è una giornata un po' grigia, e ho approfittato del fatto che sono a casa per la festività per preparare due belle ricette che vi proporrò fra qualche giorno...adesso vi lascio la ricetta e vi ricordo il mio contest...mi raccomando partecipate!!!


INGREDIENTI:
2 carciofi - un piccolo porro - gorgonzola dolce - olio evo - sale - pane casereccio - vino bianco

Candele d'arredo di Cereria Ermini


PREPARAZIONE:
Tagliate finemente il porro. Pulite i carciofi, pelate il gambo con il pelapatate e tagliatelo a rondelline. Tagliate i carciofi in quarti, eliminate la "barbetta" interna se necessario e affettateli sottilmente. Fate appassire il porro in una padella con poco olio extravergine, poi unite i carciofi. Sfumate con un po' di vino bianco, aggiustate di sale, coprite e fate cuocere a fuoco basso per una decina di minuti, aggiungendo dell'acqua se serve. Poco prima delle fine della cottura, unite qualche cubetto di gorgonzola e mescolate.
Fate abbrustolire le fette di pane, conditele con in filo d'olio extravergine, poi farcitele con i carciofi.
Servitele subito calde calde!!

Piatto di Laboratorio Pesaro