.

.

domenica 12 aprile 2015

#oggiparliamodi: Origano



L'origano, il cui nome significa "splendore di montagna", è una pianta erbacea perenne, che cresce spontanea in cespugli, in zone soleggiate e aride. In Italia è presente in quasi tutto il territorio, e si conoscono una cinquantina di specie appartenenti a questo genere.
A volte confusa con la maggiorana, ha foglie opposte, ovali-lanceolate, fiori che vanno dal bianco al rosa-rosso, raggruppati in spighette sulla sommità degli steli, che fioriscono in estate.
Viene coltivata come pianta aromatica ma anche per le molte proprietà. Tra i principi attivi presenti in questa pianta troviamo tannini e un olio essenziale molto profumato (timolo-carvacrolo), oltre a moltissimi sali minerali e vitamine. L'olio essenziale è usato in aromaterapia, ma è tossico sulla cute e sulle mucose, quindi non è possibile usarlo sulla pelle.
L'origano è utile come digestivo, contro le affezioni delle vie respiratorie, è espettorante, battericida e antisettico, aiuta in caso di mestruazioni dolorose ed emicrania.
Si possono preparare decotti, per esempio contro l'asma, facendo bollire 30 gr di sommità fiorite in un litro d'acqua, da dolcificare a piacere dopo aver filtrato.

E' una pianta semplice da coltivare, si adatta a qualunque tipo di terreno, anche se preferisce terreni asciutti e permeabili, va annaffiato poco e si devono evitare ristagni idrici. Per regalare tutto il suo aroma deve crescere in ambienti ben soleggiati e arieggiati, e le varietà più profumate sono quelle che troviamo nelle zone di mare. Non necessita di potatura, ma si devono solo eliminare le parti vecchie e secche.

La raccolta di fiori e foglie può avvenire praticamente sempre, in base all'occorrenza e all'uso. Le sommità fiorite si possono raccogliere e far seccare a testa in giù in luoghi bui e asciutti, in quanto l'origano mantiene le sue proprietà e accentua il suo aroma una volta essiccato.
Secco e sbriciolato si conserva in barattoli, preferibilmente di vetro, chiusi, e si usa in cucina per aromatizzare pizza, insalata di pomodoro, formaggi, salse e liquori, e molte altre pietanze. L'unica accortezza è che, se viene usato secco, va aggiunto a fine cottura.

Cercherò di aggiornare il post con una foto della piantina fiorita...

1 commento:

  1. Appena piantato nell'angolo delle erbe aromatiche. Grazie per le preziose notizie su questa pianta aromatica.

    RispondiElimina

Grazie mille per la visita!!
I commenti contenenti link o pubblicità verranno rimossi.